mercoledì 30 luglio 2014

Sulle dipendenze affettive

Se tutti sapessimo che spesso ci teniamo accanto persone pur di non sentire la solitudine quanti accetterebbero quella solitudine in attesa di un amore reale e quanti continuerebbero con i tranquillanti?
Non lo so.
Io, per quanto mi riguarda, mi presento agli esami del Prof. Saturno umilmente nuda.
Ho avuto la possibilità di avere compagnia, ma se questa compagnia mina lo sviluppo dell'essere umano in toto, se questa compagnia nega ciò che è a te necessario come femminile o maschile, se questa compagnia è benefica perché allevia il dolore ma in realtà ti tiene legato a una menzogna o a una dipendenza, allora la risposta è NO.
C' è un video molto bello di uno psicologo che stimo molto nonostante se ne dica, perché è famoso :)...
Le gelosie non mi interessano, se qualcosa risuona con me nel profondo e mi fa dire: Si ecco! Ecco è esattamente questo, ciò che non riuscivo ad esprimere a parole! Allora, e' giusto per me.
Nel video, se poi volete vederlo vi darò la traccia, si parla di rapporti, relazioni, egli dice una frase molto bella: "Nelle cose dell'amore bisogna guardare con gli occhi chiari, fuggire dalle illusioni, percepire la realtà, stare con se stessi, non fingere, guardare le cose come sono...."
A noi piace illuderci, ci piace fingere...perché non riusciamo a sopportare un addio.
Purtroppo questo meccanismo accade non solo in amore, io direi che è più che altro frutto di una dipendenza non curata.
Una malattia che chiede di essere curata viene invece solo alleviata. Insomma il fine di una terapia dovrebbe essere la liberazione da una dipendenza e invece purtroppo spesso "terapeuti" si lasciano affittare come puttane facendo scivolare il paziente o a questo punto direi cliente da una dipendenza ad un'altra: quella per loro, sfruttando così in un gioco vampiresco la malattia non curando minimamente, bensì alleviando i sintomi.
State attenti, aprite gli occhi perché spesso andare da un terapeuta è un pò come dire mi compro un padre o una madre a vita così non sentirò il dolore della solitudine.
Il vero maestro ti istruisce a saper vivere anche da solo non ti coccola dandoti sedativi...
Ho scritto questo post perché molte persone che conosco sono invischiate in rapporti di questo genere, gente che non vede il proprio potere ma mette tutta la sua vita nelle mani di un altro.
 E l'altro che fa? Accetta. Invece di dargli una "bastonata", va lì si fa pagare, lo accarezza e gli da un pesce quando potrebbe insegnargli a pescare.
 Ma poi lui che farebbe? Insomma lui senza il suo paziente da salvare ogni giorno che farebbe?
Ah! quante persone aiutano gli altri  perché questo li fa sentire buoni, migliori di chi invece magari mangia una bistecca, fuma o bestemmia...
Mi dispiace sapere che qualcosa dentro di me è responsabile di tutto ciò, l'unica cosa che posso fare è ripulire come sempre, lasciar andare ed essere ispirata ad agire in un modo.
Se le mie parole ti sono arrivate magari è ora che anche tu parta dall'avere rapporti per cui valga la gioia non la pena poiché le dipendenze non costruiscono ponti, demoliscono case e prima o poi si dovrà fare pulizia e metter su nuove basi.
Per chi è interessato al video che ho menzionato è qui
Da: La mia vita in diretta
P.



lunedì 21 luglio 2014

Osservando la natura... (o il rispetto delle differenze)


La roccia viene modellata dal mare cambiando il paesaggio che ha intorno. 
Una roccia non è dura in realtà, si lascia modellare ma solo da una forza naturalmente diretta. 
E' un gioco di relazione che può avvenire solo a un livello di accettazione profonda della realtà. 
Molti credono che la roccia resista. 
No, la roccia offre la sua natura al mare e il mare l'abbraccia accettandola e dando modo a questa di venir fuori nel suo modo di abbellire un luogo con il suo essere se stessa eppure sempre diversa. 
Non c'è scontro. In verità c' è incontro.Un pò come tutti gli elementi fanno, essi si nutrono a vicenda dando luogo a continuità. Terra e acqua. Aria e fuoco. 
L'acqua nutre la terra che a sua volta da a questa un luogo in cui posarsi e scorrere, l'aria alimenta il fuoco che da a questa un motivo d'esistere per apportare calore.Senza uno non esisterebbe l'altro. 
Questo il circolo in cui gli elementi si muovono in armonia concordando un equilibrio fondamentale per lo sviluppo della vita.
Perché noi non possiamo fare altrettanto?Perché non ci affidiamo alla nostra vera natura? 
Allo scambio di risorse per crescere?Perché mentiamo e ci accontentiamo di una menzogna?
Quando potremmo affidarci al nostro essere più vero?
Osservando la natura possiamo giungere a tutte le risposte poiché ciò che l'uomo intende fare è in realtà una copia impaurita di tutto quello che la natura sa come fare accadere nella sua immensa saggezza...
C'è un tempo per ogni cosa e un posto per ogni cosa.
Ma noi vogliamo conquistare il primato quando dovremmo occuparci di prenderci il nostro posto, quello giusto per noi che nessuno ci ruberà perché è nostro.
E' una questione di intenzione, è una questione di azione,è una questione di fiducia.
E come al solito niente è per caso...da anni porto avanti le mie idee per un nuovo femminismo dopo aver buttato giù "case"(idee, memorie, preconcetti, pregiudizi, programmi) porto avanti la donna nuova.
Cos'è? E' l'essere semplicemente ciò che si è: DONNE.Senza aver paura di mostrare la propria femminilità perché è un mondo fatto dagli uomini per gli uomini (altra idea fissa) provate a dire che è un mondo in cui un uomo nasce da una donna e che quindi non c'è competizione ma collaborazione.
Il vecchio femminismo non rappresenta più la donna oggi, è servito ieri, tutto serve, oggi non serve più. Dichiarare l'uguaglianza ad ogni costo non è più un'idea rivoluzionaria è ridicola e inammissibile.
La donna è diversa dall'uomo e il non voler ammettere questo porta a un conflitto interno che genererà inevitabilmente conflitto esterno.
La storia ce lo ha insegnato, guardate cosa è successo: donne che sembrano uomini, uomini impauriti da donne che con rabbia vogliono prendere il potere, scavalcarli.
Ma il vero potere viene da dentro, dall'accettare ciò che si è e rivendicarlo con gentile affermazione di sé non negandosi e aggredendo.
Non voglio sputare sugli uomini perché un giorno anche io forse avrò un figlio e non voglio che pensi che una donna sia uguale a lui ma che sappia che va rispettata per quello che è.
Abbiamo sofferto tanto perché ci siamo vendute per una parità quando avremmo dovuto investire sulla differenza.